Home > beni culturali, coste, paesaggio > Una povera Torre costiera, sul litorale di Maracalagonis (CA).

Una povera Torre costiera, sul litorale di Maracalagonis (CA).


Maracalagonis, Torre delle Stelle, Torre de su Fenugu

Maracalagonis, Torre delle Stelle, Torre de su Fenugu

In nome della cultura si fa di tutto e di più.

Nella primavera del 2010 appiccicata alla povera Torre de su Fenugu, a Torre delle Stelle (Maracalagonis, CA), era comparsa una bella scala in ferro zincato posizionata per permettere l’accesso.

Realizzata da non si sa quale soggetto, secondo le assicurazioni, avrebbe dovuto esser provvisoria, per le giornate della manifestazione  Settimana della Cultura (24-25 aprile 2010), gestita dal Comune di Maracalagonis  e dall’associazione Lungimirante onlus

Al di là dell’opinabilità della scelta (sarebbe bastata una semplice scala in legno), chi ha autorizzato la scala metallica,  le opere interne e le finestrelle metallizzate?   E la permanenza ancora attuale della scala, oggi legata alla Torre in quanto pericolante?

Maracalagonis, Torre delle Stelle, Torre de su Fenugu, finestra (particolare)

Maracalagonis, Torre delle Stelle, Torre de su Fenugu, finestra (particolare)

E, più in generale, come vengono controllati i lavori di recupero dei nostri beni culturali?

Come la Torre dei Doria di S. Maria Coghinas?

Le associazioni ecologiste Gruppo d’Intervento Giuridico onlus e Amici della Terra hanno quindi inoltrato (5 gennaio 2013) una specifica richiesta di informazioni a carattere ambientale e adozione degli opportuni provvedimenti agli organi centrali e periferici del Ministero per i beni e attività culturali, al Comune di Maracalagonis, al Corpo forestale e di vigilanza ambientale, al Servizio regionale tutela paesaggistica di Cagliari, informando, nel contempo, la Procura della Repubblica presso il Tribunale di Cagliari per eventuali aspetti d’interesse.

Maracalagonis, Torre delle Stelle, Torre de su Fenugu (particolare)

Maracalagonis, Torre delle Stelle, Torre de su Fenugu (particolare)

La Torre, risalente al 1578 e facente parte del sistema difensivo costiero gestito dalla Reale Amministrazione delle Torri del Regno di Sardegna (1583),  è tutelata con vincolo storico-culturale e con vincolo paesaggistico (decreto legislativo n. 42/2004 e s.m.i.).

Le associazioni ecologiste Gruppo d’Intervento Giuridico onlus e Amici della Terra auspicano, quindi, rapidi interventi da parte delle amministrazioni pubbliche competenti per restituire tutela e decoro a una parte importante della nostra storia.

Gruppo d’Intervento Giuridico onlus e Amici della Terra

Maracalagonis, Torre delle Stelle, Torre de su Fenugu (particolare dell'attacco della scala alla Torre)

Maracalagonis, Torre delle Stelle, Torre de su Fenugu (particolare dell’attacco della scala alla Torre)

(foto J.I., archivio GrIG)

  1. Mara
    gennaio 5, 2013 alle 8:31 am

    Alla stupidità umana non c’è mai fine.

  2. icittadiniprimaditutto
    gennaio 5, 2013 alle 2:06 pm

    Reblogged this on Pier Carlo Lava.

  3. Giovanni
    gennaio 5, 2013 alle 2:14 pm

    certo che bisogna essere stronzi solo a pensarla, una roba del genere

  4. gennaio 5, 2013 alle 7:05 pm

    da CagliariPad, 5 gennaio 2013
    Denuncia degli ecologisti: “Scale in ferro e finestre metallizzate in una torre medievale”.
    L’episodio a Torre delle Stelle. Il Gruppo di intervento giuridico chiede al Mibac “informazioni a carattere ambientale e adozione degli opportuni provvedimenti”: http://www.cagliaripad.it/news.php?page_id=801

    da Casteddu online, 5 gennaio 2013
    Torre costiera pericolante, nessuno interviene per metterla al sicuro. (Maurizio Bistrusso): http://www.castedduonline.it/torre-costiera-pericolante-nessuno-interviene-metterla-sicuro

  5. gennaio 6, 2013 alle 3:30 pm

    da La Nuova Sardegna, 6 gennaio 2013
    MARACALAGONIS. Una scala di troppo, ecologisti all’attacco. (Jacopo Bulla)

    MARACALAGONIS. Non è stata ancora rimossa la scala in ferro zincato posizionata nel 2010 nella torre costiera di “Su Fenosu”, ubicata a Torre delle Stelle, la frazione costiera del comune di Maracalagonis, alcuni giorni prima della dodicesima edizione della Settimana della Cultura che, organizzata dal ministero per i Beni e le attività culturali, si è svolta il 24 e il 25 aprile. La scala sarebbe dovuta essere provvisoria e sarebbe dovuta essere rimossa al termine della manifestazione. Era stata sistemata per permettere l’accesso alla torre, edificata nel 1578, che faceva parte del sistema difensivo costiero gestito dalla reale amministrazione delle torri. Le associazioni ecologiste “Gruppo d’intervento giuridico onlus” e “Amici della terra” hanno inviato una richiesta di informazione agli organi centrali e periferici del ministero per i beni e le attività culturali, al Comune , al Corpo forestale e di vigilanza ambientale, al Servizio regionale tutela paesaggistica di Cagliari, e per conoscenza alla procura della Repubblica presso il Tribunale di Cagliari per sapere chi ha autorizzato il posizionamento della scala metallica, le opere interne alla torre e le finestrelle metallizzate oltre alla sua permanenza. «Sarebbe bastata una semplice scala in legno. – sottolinea Stefano Deliperi, il portavoce delle due associazioni ecologiste-. La scala deve essere assolutamente rimossa. Oltre a costituire un obbrobrio è pericolante, tanto che è stata legata alla torre». La torre di “Su Fenugu” è tutelata con vincolo storico-culturale e con vincolo paesaggistico. Per questa ragione le due associazioni ecologiste auspicano la rimozione immediata della scala per restituire tutela e decoro ad un monumento che – sostengono – «costituisce una parte importante della nostra storia».

  6. gennaio 6, 2013 alle 7:34 pm

    da L’Unione Sarda, 6 gennaio 2013
    MARACALAGONIS. Doveva essere rimossa dalla torre di Su Fenugu due anni fa. A rischio la scala abusiva. Legata al monumento costiero per evitare il crollo. Ruggine sul basamento della scala di ferro zincato. Costruita per consentire la visita al fortilizio costiero durante la settimana della cultura e “Monumenti aperti” del 2010. (Andrea Piras)

    Doveva servire ai visitatori per poter raggiungere l’ingresso della torre costiera di Su Fenogu piazzato a circa cinque metri d’altezza. Restar lì pochi giorni, fino alla chiusura della manifestazione “Monumenti aperti” promossa dall’amministrazione comunale di Maracalagonis e dalla Onlus Lungimirante. Era aprile, la primavera del 2010. Due anni dopo, quella scala di ferro zincato che aveva scatenato su internet e facebook (ma anche nello stesso villaggio di Torre delle Stelle) le proteste e le critiche di molti, additata addirittura come scempio e offesa al bene architettonico, resta ancora aggrappata al cinquecentesco fortilizio. Magari un po’ traballante ma sempre in bella vista, destinata a scatenare ancora una volta le polemiche, questa volta nel nome della sicurezza, visto che la struttura “a chiocciola” è stata bloccata alla torre con una grossa corda, una fune che dovrebbe impedirne le oscillazioni e magari anche il crollo.
    LA PAURA. Un rischio inesistente, un timore infondato? Il problema è stato preso di petto dagli ambientalisti. Le associazioni ecologiste Gruppo d’Intervento Giuridico onlus e Amici della Terra hanno quindi inoltrato una richiesta di informazioni a carattere ambientale e adozione degli opportuni provvedimenti agli organi centrali e periferici (Soprintendenza) del ministero per i Beni e attività culturali, ma anche al Comune di Maracalagonis che proprio per voce del sindaco Antonella Corona aveva annunciato, nella primavera del 2010, che quella scala era soltanto «una struttura provvisoria destinata ad essere immediatamente rimossa dopo la settimana della cultura». Le organizzazioni ecologiste si sono rivolte inoltre al Corpo forestale, al Servizio regionale tutela paesaggistica di Cagliari e hanno informato la Procura della Repubblica.
    I PERICOLI. Insomma, messe da parte le critiche sull’uso del materiale («Sarebbe bastata una più semplice scala in legno per consentire ai visitatori di accedere alla torre», sostengono i responsabili del Gig onlus), il problema oggi è quello della sicurezza. Perché quella corda legata alla scala e alla torre e il basamento in parte arrugginito preoccupa eccome per l’incolumità delle persone che si avvicinano all’antico monumento di difesa costiera.
    IN MUNICIPIO. «Già lunedì farò fare un sopralluogo ai tecnici del Comune per capire se davvero esista un pericolo di crollo», dice il sindaco di Maracalagonis, Antonella Corona. «Quella scala doveva essere eliminata come da accordi subito dopo il 25 aprile di due anni fa e questo abbiamo chiesto ripetutamente all’associazione Lungimirante che l’aveva sistemata. Non l’ha mai fatto, così nei suoi confronti, dopo l’ordinanza di rimozione andata a vuoto, è scattata la denuncia».

  7. gennaio 6, 2013 alle 11:25 pm

    Nulla è più definitivo delle cose provvisorie…

  8. gennaio 10, 2013 alle 11:58 am

    Reblogged this on Il blog di Fabio Argiolas.

  9. alexandremarie9
    gennaio 10, 2013 alle 12:03 pm

    pazzesco!!! mi fa venire in mente una scultura moderna (la fontana posizionata in Piazza S. Babila) veramente orribile e a due passi dal maestoso Duomo di Milano.

  10. gennaio 10, 2013 alle 3:05 pm

    Il Servizio Tutela paesaggistica per le province di Cagliari e Carbonia – Iglesias ha comunicato (nota n. 934/TP CA-CI del 9 gennaio 2012) “che agli atti non risulta presente alcun intervento relativo ad autorizzazioni per la realizzazione delle opere di cui si tratta”.
    Le opere realizzate sono, quindi, prive di autorizzazione paesaggistica (decreto legislativo n. 42/2004 e s.m.i.).
    In parole povere, sono abusive.

  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 564 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: